Burkina_2015_0722b

Il nostro obiettivo è sostenere l’attività medica della dott.ssa Chiara Castellani in Congo nell’ambito della formazione medico/sanitaria. L’incontro con la dott.ssa Castellani e la sua attenzione alla formazione hanno portato alla scelta di Song-Taaba di impegnarsi per supportarne l’operato, attraverso microprogetti in linea con i principi operativi e fondanti della Onlus.

La scelta di Song-Taaba di operare attraverso micro progetti nasce dalla volontà di poter modulare al massimo grado risposte operative e concrete, in sintonia con le esigenze di volta in volta evidenziate dalla dott.ssa Castellani.

Micro Progetti già realizzati e realizzabili anche in futuro:

  • Raccolta e fornitura di piccole apparecchiature per la sala operatoria (e sala parto).
  • Raccolta e fornitura di piccole apparecchiature diagnostiche.
  • Raccolta farmaci: sia miratamente a richieste per casi singoli (sos Sirac) che in grandi quantitativi (spedizione 15 casse).
  • Invio Land-Rover messa a disposizione da una famiglia di soci (fam. Cuniolo).
  • Reperimento letto operatorio elettronico messo a disposizione dal papà di una socia (prof. Iachetti).
  • Acquisto ed invio di una lampada fotovoltaica per la sala operatoria.
  • Sostegno allo studio di 5 allieve infermiere a Kenge.
  • Progetto Laurea Suore Kenge a Roma: spese vitto e studio (scheda specifica).
  • Raccolta fondi (base: € 5000 l’anno).
  • Incontri e attività di promozione per diffondere la conoscenza di Chiara Castellani e del suo impegno in Congo.
  • Donazioni e raccolte fondi “straordinarie” micro e macro (ad es. donazione Paolo Moro).
  • Partecipazione al Coordinamento “Amici di Chiara Castellani”.

 

chiara castellani 2L’obiettivo è anche quello di raccogliere materiale per equipaggiare in modo degno sale parto e sale operatorie collegate all’ospedale di Kimbau in cui la d.ssa Chiara Castellani si impegna quotidianamente. Per il materiale si fa riferimento all’elenco pubblicato sul sito del Coordinamento “Amici di Chiara Castellani”: http://www.amicidichiaracastellani.org/adcc/a/34541.html

Finalità del progetto: equipaggiare sale parto e sale operatorie già esistenti per i cesarei d’urgenza nella savana. Gli edifici sono già stati costruiti con l’aiuto delle ambasciate in 8 differenti Centri di Salute di Riferimento, situati in località tutte isolate e distanti oltre 100 km dall’ospedale più vicino, distanze enormi e impercorribili per una donna in travaglio di parto. Si tratta dei Centri di Salute di riferimento di:

  • Kindi (ZSR Kimbau)
  • Masamuna (ZSR Masi Manimba)
  • Kitongi (ZSR Kenge)
  • Kimafu (ZSR Kenge)
  • Misay (ZSR Kikongo)
  • Kolokoso (ZSR Kenge)
  • Saint Paul (ZSR Bandundu)
  • Bisiala (ZSR Kwamouth)

Abbiamo anche assunto l’impegno a sostenere finanziariamente, come Onlus, un percorso di formazione professionale presso la scuola infermieri di Kimbau per 5 studentesse.

Abbiamo garantito la copertura dei costi universitari e del mantenimento per gli ultimi 6 mesi di studi a Roma a due suore congolesi: Suor Pauline e suor Clementine le quali hanno così potuto conseguire la laurea in scienze infermieristiche. Le suore erano arrivate in Italia attraverso un precedente progetto di sostegno allo studio, esauritosi però nei tempi e nei fondi. Il subentrare di Song-Taaba, in tandem con l’accogliente ospitalità della famiglia Bernardel, ha consentito a suor Pauline e suor Clementine di concludere un percorso formative, che le ha fatte rientrare in Congo prima dell’estate 2012 come infermiere professioniste.

Song-Taaba ha raccolto la sfida della nascita di un Coordinamento a livello nazionale di tutte le realtà che attualmente sostengano Chiara Castellani in ogni forma e grado, come singoli o associazioni, al fine di ottimizzare il lavoro di ognuno a supporto di Chiara ponendo in essere sinergie virtuose e una più diretta comunicazione. Una sfida che ha coinvolto la nostra Onlus fin dalla fase ideativa, cui sono seguiti i lavori preparatori, la stesura dei documenti fondativi e la vera e propria nascita di un Coordinamento “Amiche ed Amici di Chiara Castellani” avvenuta a Roma nel giugno 2011.

La dott.ssa Chiara Castellani, dal 1991 è responsabile di un progetto di assistenza sanitaria nella Repubblica democratica del Congo: unico medico per centomila abitanti in una zona di cinquemila chilometri quadrati. La dott.ssa Castellani lavora con coraggio e dedizione, nell’ospedale di Kimbau, un piccolo ospedale, abbandonato dai belgi senza acqua ed energia elettrica, da lei avviato, riqualificato, gestito, ed ora arricchito dalla nascita di una scuola infermieri.

In Congo: un bambino su cinque muore prima del quinto compleanno. La mortalità infantile è pari a 108 su 1.000 nati vivi. (dati Unicef 2009)

 

In molti Paesi, soprattutto dell’Africa Subsahariana, la speranza di vita si riduce, la mortalità infantile aumenta e masse crescenti di popolazione in condizioni di estrema povertà sono del tutto escluse dai potenziali benefici di un consistente aumento della ricchezza globale, sempre più concentrata nelle mani di pochi. Nonostante gli straordinari progressi del ventesimo secolo in campo tecnologico, più di 30mila bambini al giorno muoiono per cause in gran misura prevenibili; 18 milioni di persone muoiono ogni anno per malattie infettive, per non poter godere di un’igiene minima e delle cure necessarie. Quasi 900 milioni di persone non hanno accesso ai servizi sanitari essenziali. L’avvento dell’epidemia di Hiv/Aids ha esacerbato le disuguaglianze: nei paesi ricchi, anche le persone affette da Hiv/Aids hanno a disposizione gratuitamente farmaci efficaci, mentre nei paesi poveri questa possibilità (di cura e di vita) è negata. (Quaderni per lo Sviluppo n.6)

 

774 milioni di adulti sul pianeta non hanno gli strumenti conoscitivi basilari per affrontare le sfide anche in materia sanitaria. Oggi non si può trovare una risposta alle principali preoccupazioni in campo sanitario se non si trova nelle politiche sulla salute un ruolo anche per l’alfabetizzazione. (Kochiro Matsuura, Unesco)

Leave a Reply